Niamh – “Supersonic”

Secondo album per la band dei Niamh che dopo la pubblicazione di “Corax” esce nuovamente sul mercato con l’album “Supersonic”. Per questo nuovo lavoro la band ha deciso di aggiungere un tocco di ulteriore personalità andando ad introdurre una serie di suoni campionati che vanno ad impreziosire i dieci brani.
“Supersonic” sposta il genere della band da una linea Alternative Metalcore riscontrata con “Corax” and una direzione più Electro Metalcore intrapresa con questa nuova uscita. “Siberian” è il singolo che ha preceduto l’uscita dell’album e che è stata impiegata per la realizzazione del video in Scandinavia.
“Here Comes The Rain”, è il brano che ha il compito di avviare l’ascolto la cui atmosfera pronfonda, quasi inquietante per un panto di ragazza, dà subito la musira di quello che andremo incontro proseguendo l’ascolto, che si rivela deciso e determinato con suoni ben impostati ed evidenziati da una voce aggressiva che riesce ad interpretare bene le ripartenza che caratterizzano il brano.
I “Niamh” concedono anche spunti più melodici senza discostarsi troppo dalla linea aggressiva che è indubbiamente il marchio di fabbrica e lo fanno molto bene con la seconda traccia “Siberian” caratterizzata da innesti di tastiera che fungono da atmosfera e da tappeto.
Un parte centrale che arriva come un pugno nello stomaco è ulteriore testimonianza di quanto la band sia particolarmente energica e grintosa anche in fase di registrazione proponendo tracce intense suonate al fulmicotone “You can’t put the beast down” o se preferite “Polaroids”.
“Supersonic”, regala anche struture più ricercate e particolari in fase di cori e seconde voce che vanno di fatto a dare manforte ad un sound prepotente e sicuramente originale “Black Metal Boiy”, “Heart corroded, pain diluted”.
Something In The Way, chiude l’album in maniera morbida e se vogliamo minimale, dove la linea vocale si enfatizza venendo esaltata da chitarre ridondanti e suoni campionati che regalano un piacevole finale, come del resto a nostro avviso, piacevole è tutto l’album.
I Niamh si confermano una delle reltà più interessanti del panorama underground italiano, andando di fatto a pubblicare un album che vince e convince.

Tracklist

  1. Here Comes the Rain
  2. Universe
  3. Siberian
  4. You Can’t Put the Beast Down
  5. Psyberian (hard trance remix)
  6. Polaroids
  7. Sterile and Anaemic
  8. Black Metal Boy
  9. Heart Corroded, Pain Diluted
  10. Something in the Way

REDAZIONE

https://open.spotify.com/album/2eAqs7O4Q3MF17DVUmUkWb?si=M2rYe1CCSMSWiuY5C1JJfg