Vincenzo Donnamaria – “Tu Chiamale Se Vuoi Citazioni”

In fondo tutto ciò che scriviamo nasce da quello che viviamo, ascoltiamo, leggiamo. E allora perché non dedicare un album alle citazioni?

Vincenzo Donnamaria, con questa nuovo lavoro dal titolo “Tu Chiamale Se Vuoi Citazioni”, propone un prodotto semplice e gradevole all’ascolto su tessuti di durata dei brani che si aggirano intorno ai tre minuti, accostando riffing ruvidi e ridondanti, ad una voce pofonda e in alcune circostanze più morbida.
La sezione ritmica è minimale e dritta al punto, con soluzioni poco articolate e che fungono da buon traino agli intenti rock.
Un viaggio che cattura l’ascoltatore da subito, come la corposa open track posta in apertura, “Un avvocato un medio e un ingegnere”, o se preferite “Giornata Tipo”, ma ogni brano è un viaggio surreale dove a Vincenzo piace giocare con una serie di strumenti musicali che arricchiscono l’ascolto e lo rendono vario e coinvolgente, senza stancare l’ascolto.

Pur senza mettere in campo sorprese importanti, Vincenzo, sembra viaggiare su due binari paralleli: da un lato quello del classico rock che già dal primo ascolto si presenta originale ed interessante, dall’altro non manca qualche ammiccamento a quel tipo di sonorità ricercate e che negli anni ha portato avanti artisti del genere cantautorale (visto una buona componente di sonorità profonde e scure)
Questo aspetto potrebbe fare da base per le prossime mosse di questo musicista , e per eventuali sviluppi futuri, ma in ogni caso tutti gli ascoltatori del buon alternative rock cantautorale tranquillamente avvicinarsi a questo “Tu Chiamale Se Vuoi Citazioni”, perchè è un disco di valore, che si lascia ascoltare e riascoltare e riascoltare ancora.